Cala il sipario

Cala il sipario … si spengono le luci … e così ho deciso di chiudere questo blog.

Il sito non chiuderà, semplicemente diventerà una mia personale vetrina con il blog che sarà qualcosa di molto personale e si fonderà con il mio attuale “personal” blog.

Perchè ho preso questa decisione dopo che tempo fa avevo promesso che sarebbe ripartito?

In primis il tempo, davvero non ci riesco, avere un blog vuole dire non solo scrivere articoli regolarmente, e già qui mi perdo … , ma anche tenerlo aggiornato, seguire altri blog, interagire con i lettori, social e quant’altro, e io proprio questo tempo da dedicare a un blog, adesso, non ne ho. E’ una decisione sofferta e ci ho pensato tanto, sono diversi giorni che questo articolo era nelle  bozze,  ma non mi va di tenere questo “zombie” ancora in vita, non avrebbe senso.

E’ un periodo molto intenso per me, non soltanto dal punto di vista lavorativo ma anche e soprattutto personale, in precedenza avevo provato ad avviare altri progetti in collaborazione, ma si sono persi per strada … , ora ne sto rispolverando qualcuno lavorandoci da solo, pertanto devo arrendermi all’evidenza, o scrivo sul blog o faccio siti e seguo i miei progetti, e ho scelto in definitiva questa seconda strada.

Gestire questo blog è stata una esperienza fantastica, ho iniziato scrivendo qualche cazzata che apprendevo da altri siti e arrivando a prendermi anche delle belle soddisfazioni, mi sono divertito, ho interagito con tantissimi utenti e lettori via mail, commenti, twitter, forum, ho conosciuto persone interessanti …. poi la partenza all’estero, Barcellona, e ho iniziato a scrivere sempre meno, fino a far diventare il blog un vegetale … Infine ho avviato il famoso tzunami che ha scosso le coscienze di molti, in positivo o in negativo.(inutile cercare l’articolo è stato rimosso qualche tempo fa … )

Non voglio ritornare a parlare di questi discorsi, ne ho sentite tante, ma per quanto “politicamente scorretto” e “volgare” quell’articolo, ho trovato ridicole alcune considerazioni cosi “scandalizzate” (si in alcuni commenti sparsi sul web ho letto cose del genere “è una indecenza”)… penso che ci sia ben altro di cui vergognarci e scandalizzarci, come magari questo tipo di situazioni o quest’altra, giusto per par condicio, non per qualche CAZZO scritto qua in un articolo …. ma sta bene, quest’Italia è perbenista se sei Berlusconi o Marrazzo puoi andare a letto con minorenni, tirare cocaina, essere in mezzo a storie di omicidi, spaccio prostituzione .. agli italiani sta bene .. se ti chiami Antonio Fullone e sul blog scrivi “avete rotto il cazzo” scatta la morale …

Ad ogni modo, con questo post non è “celebrativo” invece voglio ringraziare tutti, ma proprio tutti. la 20ina di lettori via mail, i 300 in rss, chi mi ha “liked” in facebook, agli amici di twitter ai GURU, a chi mi critica, a chi mi ha “risposto” in modo ironico con altri post (sul mio scrivere, sui miei pensieri .. ma non facevate prima a confrontarvi direttamente con me? in fin dei conti la ragione stava dalla vostra parte, io sono solo un ignorante rozzo e volgare …che non sa scrivere un post decente e non sa scrivere in italiano …  ), a chi mi ha ricordato il mio italiano imperfetto, e dulcis in fundo, ringrazio il fantomatico anonimo GURU(wow! anonimo .. proprio cosi .. avete letto bene ma il link non lo ricordo, di certo uno che si autodefinisce GURU e rilascia interviste anonime …..) ho appreso tanto da tutti, anche le critiche negative comunque devono essere accettate,

insomma il mio è un ringraziamento generale per tutti, davvero tutti, è stata una esperienza molto bella che mi ha permesso di crescere tanto, ma ora ho deciso di dare una svolta,e la chiusura del blog è parte integrante di questa svolta.

Vi lascio con una anteprima di come sarà il sito , tenendo presente che è solo una bozza e che per vederlo online passerà molto tempo! ma siete liberi di lasciarmi feedback, senza problemi, anche se  negativi icon wink Cala il sipario

home1 Cala il sipario

anteprima antoniofullone.it

Ultimo appunto è per Giuliano Ambrosio, che ho avuto modo di conoscere proprio durante lo “tzunami“, sono sincero come è mia abitudine e come sono sempre stato, Giuliano non è mai stato nei miei pensieri quando ho scritto quell’articolo, assolutamente non ci pensavo proprio, posso solo ringraziarlo per aver partecipato alla discussione apportando il suo saggio pensiero e dandomi modo di conoscere anche un bravo professionista molto in gamba.

Bene questo è tutto! Il blog chiude, niente più articoli, niente tutorial, guide, questo sito tornerà ad essere ciò per cui era stato concepito, per essere solo la mia personale, finestra sul web.

Adeu!

13 pensieri su “Cala il sipario”

  1. Ciao Antonio, tenere un blog con dei contenuti validi è un impegno da non sottovalutare, questo lo so bene anch’io infatti sto rifacendo il look al mio per gestirlo in maniera diciamo più rilassata e occasionale.
    Quindi capisco benissimo la tua decisione Però se fossi te, nel nuovo sito un posticino per qualche articolo sporadico lo lascerei, tante volte avessi voglia e tempo di scrivere qualcosa non escludere a priori questa possibilità

  2. Gianluca: l’ho tolto qualche giorno fa.
    Dici che ha fatto la storia? mah … a me non solo ha portato tanti problemi, ma molti “amici” si sono allontanati da me per quell’articolo, anche se magari davanti ti dicono “bravo bravo hai fatto bene!”, non immagini le conseguenze negative che ho avuto da quell’articolo, che comunque non rinnego assolutamente, ma il fatto di esser stato isolato da persone che ritenevo amiche mi ha deluso. prendo tutto come una esperienza che mi servirà in futuro. :)

  3. Appresi con molto piacere la notizia della riapertura del blog, con molto meno questa della chiusura.

    Spero che segui il consiglio di Michela e sporadicamente scrivi qualche articolo riguardante il web design.

    Comunque spero che i tanti progetti in cantiere ti portino tanta soddisfazione

    In bocca al lupo

  4. be credo che tutti i blogger più attivi vicini al web design e web development lo abbiano letto, mi toccherà togliere il link che avevo messo sul mio sito (tra l’altro ancora in home dopo mesi)!!
    bè è stato audace e sincero io preferisco questo a falsi buonismi e robe tipo “tutti amici”. Se ti hanno allontanato si vede che con quell’articolo sei diventato “scomodo” ma ripeto meglio la sincerità.

  5. @Michela @yeswebcan : grazie, per ora va bene cosi, poi più avanti vedremo, un blog resterà ma forse sarà meno dedicato a scrivere articoli “tecnici”.

    @Gianluca: la realtà italiana è molto strana e complicata, onestamente mi aspettavo le reazioni negative ma non un certo tipo di “isolamento” ma è un pò come per la politica, quanti giovani durante questi anni abbiamo visto “lottare” contro la nostra classe politica salvo poi cambiare idea quando ne entrano a farne parte? be anche sul web funge cosi, meglio stare dalla parte dei forti che non quella dei deboli, sempre e comunque :)

    Ho imparato ad accettare tutto, non mi stupisco, un po deluso ma posso comprendere anche il comportamento di alcune persone.
    L’articolo l’ho tolto proprio per il discorso dell’indicizzazione e delle troppe keywords che “monopolizzava” … inoltre i backlinks negativi cominciavano ad essere tanti, e gli attacchi al sito ancora peggio.

    Prova a guardare il page rank della mia home page, prima era a 3 ora è stato azzerato, cosi come è successo per blog.antoniofullone.it , poi i miei account su twitter soprattutto ackerati più di una volta con msg diretti offensivi verso i miei followers e unfollow selvaggi verso chi seguivo o mi seguiva ….. non può essere tutto casuale, non credi?
    Anche nel lavoro “fuori” dal web ho avuto problemi e sinceramente non posso rovinare la mia professione per un articolo ;)

  6. @Atonio aspetto con ansia il nuovo sito! ;) se quel articolo ti a fatto allontanare di alcuni pensa che ti ha fatto aviccinare anche altre!! Io inclusa, se hai bisogno di aiuto grafico per il nuovo sito o dei progetti “pega un grito! En la Union esta la fuerza.. Sobre todo entre los que no hablan bien el italiano ;) jajaja” AUGURI per la nuova tappa

  7. Ciao Antonio,
    con grande dispiacere e rammarico, leggo via RSS questo post. L’unico dispiacere che ho è di avere scoperto molto tardi, troppo tardi questo blog e di non aver seguito la sua fase di maggior attività.

    Grazie, per il tempo che hai dedicato al blog e a noi lettori (io per primo) con articoli di qualità.

    A parte l’articolo incriminato, spero tu voglia lasciare gli articoli più “tecnici” anche se non nego che l’articolo “I guru in Italia, come rovinare una community” lo leggerei volentieri… (confesso di non averlo mai letto…)

    Se non è di disturbo riusciresti a mandarmelo via mail ? O a farmelo leggere in qualche modo ?

  8. Se tutte le cose che hai elencato vanno a interagire anche con la tua vita reale fai bene a fare come hai detto continuerò a seguirti sul tuo blog personale… peccato che ti abbia scoperto solo ora ho appena letto l’articolo su guru in italia e condivido in parte quanto hai scritto.
    ciao e in bocca al lupo per il futuro template che dalla foto promette bene! :-D

  9. Ciao Antonio, devo dire che per mesi e mesi sei stato il mio idolo, ma ora basta, non per la chiusura del blog, ma per il fatto che hai tolto da internet un pezzo di storia altro che, siamo agli albori dell’internet moderno e tu hai tolto un articolo cruciale per il web italiano… E non venirci a raccontare che ti ha portato “problemi”… ma non farmi ridere, voglio dire, se addirittura c’è gente disposta ad allontanarsi da un amico perchè ha idee diverse sul webdesign e su 4 quaqquaraquà, bhe ti dico una cosa, più che degli amici conoscevi degli sfigati… I “miei” amici se ne sbattono le palle in generale del webdesign, e quelli che invece se ne intendono di web mi avrebbero fatto un monumento per aver avuto così tanto successo.. Che poi sembra quasi che ci sia stata chissà quale bufera per quel articolo, ma fammi il piacere, parlavi di webdesign e di guru, mica di diritti civili! Mi sa che tanti di voi confondete ormai il virtuale con il reale, per quanti problemi tu possa aver arrecato sul web, bhe ti dico una cosa, appena spegni quel computer, non esiste più nulla, nessuno busserà alla tua porta incazzato per quello che hai detto e se per caso domani passi per strada e incontri julius, quello manco ti riconosce e probabilmente se gli dici, “ciao sono fullone” manco avrà il coraggio di dirti qualcosa, perchè con un pugno lo sotterri (o almeno io sarei in grado)…
    Scusami, ma se ti devo consigliare degli amici da trovare, bhe ti consiglio qualcuno che se ne sbatta i coglioni di come si fanno i siti web, che ne so trovati degli amici interessati che ne so.. ai trattori! Mi viene solo da ridere pensare che qualcuno che ti conosceva ti abbia detto: “no no vecchio fullone, quel che hai detto non mi è piaciuto proprio, i nostri rapporti si stanno incrinando”… ma vacagheeeeerrr sfigatoo, avrei risposto io…
    Bho, mi sembra tutto una assurdità, soprattutto quando parli di problemi sul lavoro….
    Ti do un po’ di credito sul fatto dei vari hackeraggi, tutto il resto, come la gente che ti insulta o che ti hackera gli account, bhe mi fa solo pensare che quà in italia siamo 4 cretini.. con tutto il rispetto per i cretini si intende…

    ps:Trova un’altra destinazione per quell’articolo.. ma ripubblicalo…

  10. Ciao Nicola,
    wow! quasi quasi stai più incazzato di me :)

    C’è un motivo per cui ho tolto l’articolo, e non sono nè le minacce o altro, volevo semplicemente che sparisse dalle serp di google, appena avrò pronto il nuovo sito ho intenzione di rimetterlo, visto che rimetterò un blog ma che sarà solo il mio piccolo angolo dove annotare pensieri, lasciando solo qualche articolo dei vecchi miei blog, come già detto, soprattutto per una questione di tempo, no more blogging, niente a che vedere con minacce o altro, fidati. :)
    A proposito di minacce, secondo te scrivendo l’articolo su un sito che porta il mio nome e cognome, consapevole delle reazioni che si sarebbero potute scatenare, potrei mai avere paura?
    Su questo stai tranquillo, figurati se mi faccio paranoie per qualche esaltato che mi manda na mail, non ci penso proprio.
    Sulle altre conseguenze, si ci ho pensato, ci sono rimasto male, ma non è che mi suiciderò per questo (e nemmeno li biasimo o altro), ho anche conosciuto molti nuovi amici, e onestamente nemmeno immaginavo si potesse scatenare quel che è successo quando scrissi l’articolo, mi aspettavo qualche vaffanculo, non più di 100 commenti e 1300 utenti in un giorno.

    Problemi sul lavoro? si un pò, sono freelance, e cerco di prendere lavori non solo dove vivo o in zona, naturalmente su internet il mio nome è stato spesso più associato all’articolo o alla polemica che non al mio portfolio o cv, ma anche questo era da mettere in preventivo, visto il rumore che ha scatenato il post.

    julius? Ho spiegato che nemmeno ci pensavo a lui quando ho scritto l’articolo, ho già spiegato questa storia, quel ragazzo non c’entra assolutamente nulla(anzi ha avuto il coraggio di confrontarsi), le mie intenzioni erano altre, riferite si anche a determinate persone, ma io parlavo di una mentalità, un modo di pensare che non mi andava bene, non era un attacco a 1 o 10 o 100 persone, ma a una mentalità a mio modo di vedere sbagliata, e ne sono convinto ancora oggi, anzi ho avuto modo di conoscere Julius e mi è sembrato un ragazzo in molto in gamba, il discorso non era riferito a persone con siti ad altro traffico, ma ti ripeto ancora, al modo di pensare, di agire sul web, in Italia, che trovo assolutamente sbagliato, ma che non posso cambiare, che probabilmente non cambierà mai, come può darsi che sia io quello sbagliato e che in realtà non è cosi come la penso io, ma in entrambi i casi, il risultato è che quell’articolo, scritto o non scritto non ha cambiato e non avrebbe mai cambiato niente, da qui il fatto che lo ritengo “inutile”, ma non mi vergogno di averlo scritto e i ripeto lo rimetterò online, spero presto.

    ;)

    Ciao.

  11. Si ok, lo so benissimo come è in italia, non sono incazzato a dire il vero, più che altro perchè mi viene solo da ridere quando vedo tutti quei sapientoni che credono di sapere di fare e poi si vede benissimo che usano per i lavori, template già pronti e modificati un attimo e poi vanno in giro a dire che se ne intendono di css e html o di illustrator etc… Non è che non si possono usare template di themeforest ma almeno evitare di spacciarsi pure per esperti che si fa un uso pressochè massiccio di questi, bhe quello si…
    Si tu hai parlato in generale, ma chiunque si senta daccordo con te ci mette i personaggi che a suo modo di vedere corrispondono a ciò che hai scritto tu, “per me” juliusdesign fa parte di quella categoria che tu hai perfettamente descritto.. ci sono innumerevoli post dove lui ha copiato codici e codici da blog americani di minor rilevanza spacciandoli come suoi o ommettendo il fatto che sono stati fatti da altri… per non parlare di tutti quei pirla che per oggi stronzata tipo “il sito fwa del giorno” scrivono bel post? Ma è un post scrivere quale sito ha vinto l’fwa? bho…
    Ok tu non parlavi di lui, ma io lo faccio rientrare in quella categoria, perchè tu parlando in generale hai lasciato a chi legge l’opportunità di inserire chi per lui è un problema…
    In ogni caso, che tu sia stato ricordato per quel articolo non è di certo una cosa negativa, anche Martin Luther King era un bravo parroco, ma mica viene ricordato perchè era un prete…
    Ovviamente non ti posso considerare come Luther King, ma quello che conta a volte e forse quello che dici più che quello che fai o per lo meno, nel mondo moderno, funziona così…

I commenti sono chiusi.