Interviste : Fabio Marasco aka @Marbio

Ed eccoci con il primo capitolo di questa nuova rubrica sul blog, le interviste. Con questo articolo inauguro quello che spero, sarà una serie di articoli in cui intervisto i vari “personaggi” del web legati al mio lavoro che ho conosciuto tramite social, gruppi o altro, comunque su internet.

Non potevo non cominciare questa rubrica con un mio conterraneo calabrese, oltre che caro amico, Fabio Marasco, meglio conosciuto come marbio.

marbio 300x147 Interviste : Fabio Marasco aka @Marbio

Fabio Marasco aka @marbio

A: Ciao Fabio, inanzitutto grazie per avere accettato di fare questa intervista /chiacchierata  “tecnica” con me icon smile Interviste : Fabio Marasco aka @Marbio Raccontaci un pò di te icon smile Interviste : Fabio Marasco aka @Marbio

Fabio : Grazie a te Antonio per aver deciso di intervistarmi.

Sono uno sviluppatore java, con una forte passione per lo sviluppo web ed il web design. Lavoro da due anni in un’azienda Informatica del cosentino dove ricopro appunto la figura di Programmatore/Web designer.

Sono un divoratore di musica Indie/Elettronica e non potrei immaginare la mia vita senza le mie playlist musicali.

Sono un fanatico del mondo Android e possiedo il G1 (Htc Dream) ovviamente con distro personalizzata.

A breve dovrei mettere fine al capitolo della mia vita chiamato “Università” concludendo il percorso di studi in Ingegneria Informatica, ma al momento tra il lavoro ed impegni vari sinceramente non riesco a trovare il tempo necessario per completare l’esame finale e la Tesi di Laurea.

ACos’è che ti ha “spinto” verso il web design, e dove(e come)  hai mosso I primi passi? (internet, libri, corsi, universita?)

Fabio :  Sicuramente alcuni corsi e le materie di studio all’Università hanno giocato un ruolo fondamentale nell’aprirmi la strada al mondo del web. Però devo ammettere che è nato tutto e continua ancora adesso per passione. Nella mia formazione da auto-didatta (ci tengo a precisare) ho mosso i primi passi su internet seguendo tutorial dei siti più affermati nel settore e successivamente ho acquistato dei libri per aumentare le mie conoscenze.

ACosa ti piace e cosa non ti piace? Pregi e difetti del web design moderno.

Fabio :  In realtà non esistono cose che disprezzo, a parte i tanti siti web realizzati con tecnologia Flash senza nessun criterio di accessibilità ed usabilità.

Adoro i lavori curati anche nei piccoli dettagli sia a livello grafico che di implementazione.

Sicuramente un componente caratterizzante del web design moderno è Javascript. E’ una tecnologia funzionale, estendibile e duttile. La sua adozione migliora la User-experience e framework opensource specifici come JQuery e Mootools permettono anche agli utenti meno esperti di caratterizzare i propri lavori con effetti di transizione, animazioni, slide show e altro ancora.

Un altro elemento di ”tendenza” nel webdesign da tenere in considerazione è la Tipografia. Molti siti web affermati ne fanno largo uso rendendo il design molto più gradevole ed affascinante e molte tecnologie che permettono l’inclusione di font personalizzati nei siti web si stanno affermando.

Pian piano stiamo assistendo ad un’evoluzione del webdesign: tecnologie come HTML5 e CSS3 iniziano ad avere un riscontro e presto apriranno ai lavoratori del settore scenari che qualche anno fa non erano immaginabili.

A: Il tuo “kit” di lavoro.

Fabio : La suite di strumenti che considero indispensabili è composta dai seguenti elementi:

  • Skype (IM e Collaborazione)
  • Dropbox (Sincronizzazione e Condivisione file)
  • Servizi Google (Posta, Collaborazione, Feed Reader)
  • Notepad ++ (Editor multilinguaggio)
  • Aptana Studio 2.0 (Ambiente di sviluppo web)
  • Eclipse (Ambiente di sviluppo java)
  • Svn (Controllo Versione del codice)
  • Photoshop ed Illustrator CS4 (Disegno grafico)
  • Browsers – ie, ff, opera, chrome (Cross Browser Testing)
  • WinSCp e Filezilla (Traferimento e copia dei file)
  • Xampp (Stack di sviluppo web/database)
  • KeePass (Gestione Password)

Ovviamente molti strumenti e servizi sono web-oriented (delicious, remember the milk, kuler, type tester, typechart, ecc.) o plugin innestati nei browser (Firebug, strumenti web development, ecc.).

A:  Riesci a dirmi il sito più bello e il più “brutto”? icon wink Interviste : Fabio Marasco aka @Marbio

Fabio : Questa non è affatto una domanda semplice icon smile Interviste : Fabio Marasco aka @Marbio

Tendenzialmente mi piace lo stile minimale nella sua essenzialità. Mi piacciono i siti che danno molta importanza alla tipografia, alle proporzioni, agli equilibri e agli spazi vuoti.

Nonostante per i più sprovveduti un sito minimale possa sembrare scarso, personalmente credo che ci voglia una discreta esperienza per creare un prodotto semplice ma allo stesso tempo con una struttura d’impatto che tralasci tutte le ridondanti forzature e si concentri solo sulla grafica pura.

Per me non esiste il sito più bello. A parer mio ogni lavoro può avere più o meno caratteristiche che riescono a catturare la tua attenzione. Ecco ad esempio tre siti che mi piacciono e che passano ora per la mia testa:

AParliamo di siti / blog che leggi giornalmente , Il migliore o i migliori italiani e stranieri.

Fabio : Sono abbonato ad un numero discreto di feed rss relativi a siti specializzati in materia di web design e sviluppo e cerco di smaltirli giornalmente. Per la maggior parte si tratta di siti scritti in lingua inglese e davvero pochissimi sono gestiti da Italiani.

Il miglior sito in italiano:

Your Inspiration Web http://www.yourinspirationweb.com/

I migliori siti in lingua Inglese (metterne uno mi sembrava riduttivo):

AIl panorama italiano oggi : un tuo giudizio globale sulla scena italiana.

Fabio : Credo sia inutile ripetere sempre le stesse parole e dire che anche per quanto riguarda il Webdesign in Italia siamo indietro rispetto agli altri. Fortunatamente anche noi abbiamo grafici e webdesigner di fama internazionale e pian piano questa cultura si sta diffondendo sempre più.  Ancora in pochi però riescono a capire le reali potenzialità del web e costruire una posizione lavorativa seria attorno ad esso.

A: I tuoi web designer preferiti, se ne hai: Italiani e Internazionali.

Fabio : Mi dispiace ma a questa domanda non riesco a rispondere facilmente. Non ho dei webdesigners preferiti, più che altro ho dei siti preferiti (vedi domanda precedente).

A : CMS o Framework?

Fabio : Dipende. Personalmente credo che gli applicativi di CMS più blasonati abbiano raggiunto un grado di maturità tale da poter investire concretamente in essi per affrontare lo sviluppo di applicazioni web di piccolo-medio calibro. Ovviamente non basta limitarsi ad un utilizzo standard, bisogna documentarsi sul funzionamento del “core” e sullo strato delle API per poter personalizzare lo strumento secondo le proprie esigenze.

I Framework di sviluppo offrono la possibilità di velocizzare lo sviluppo di applicazioni customizzate create da zero e al tempo stesso di mantenerle scalabili e modulari. Questo è possibile tramite l’adozione di design pattern (sui quali i frame work sono costruiti) come MVC, Strategy, Factory ……..… L’aspetto più interessante riguardante l’adozione dei framework è la regola del DRY (Don’t repeat yourself), infatti la maggior parte di essi permettono di automatizzare determinate operazioni ripetitive e quindi rendono lo sviluppo più veloce.

Negli ultimi anni ho approfondito ed utilizzato diversi framework:

  • Struts e Spring (Java)
  • Codeigniter e CakePHP (Php)
  • Ruby on Ralis (Ruby)

A:  Il miglior CMS e perchè

Fabio : I miei CMS preferiti (e azzarderei anche i migliori) al momento sono: WordPress e Drupal.

WordPress senza dubbio è la migliore piattaforma di blogging ed il suo utilizzo è indicato nel caso si debbano gestire magazine digitali, blog personali o siti web semplici. Questo perché offre una ricca serie di strumenti che agevolano l’utilizzo anche agli utenti meno esperti. E’ fornito di un ottima documentazione . E questa caratteristica insieme alla vastissima comunità di sviluppatori e web designer interessati al progetto agevola la personalizzazione e l’estensione del suo funzionamento.

Drupal è più indicato per applicazioni leggermente più complesse. Anche in questo caso dietro c’è una vasta comunità di persone che mantengono il progetto attivo. E’ uno strumento facilmente estendibile grazie ai tantissimi moduli che vengono messi a disposizione.

A: Il miglior social network

Fabio : Il più maturo ed utilizzato e di conseguenza il miglior SN credo sia Facebook.

Oltre ad una gestione avanzata delle relazioni personali offre degli ottimi strumenti di promozione (personale o delle proprie attività).

Anche se non molto utilizzato in Italia io non tralascerei Twitter. Personalmente più che per interagire, lo utilizzo per restare informato su determinate tipologie di notizie. Adoro la sua semplicità e la sua immediatezza.

———————————————————————————————————–

Ringrazio Fabio per la sua disponibilità e vi invito a seguirlo anche su twitter e sul suo sito web.

2 pensieri su “Interviste : Fabio Marasco aka @Marbio”

I commenti sono chiusi.